Didgeridoo: migliori prodotti di Agosto 2022, prezzi, recensioni

Il didgeridoo è uno strumento musicale che nasce in modo del tutto “naturale”, non è per niente costruito dall’uomo ma la sua particolarità è che viene scavato dalle termiti. Prende origine dal Nord dell’Australia. I didgeridoo classici e tradizionali sono in eucalipto e vengono decorati con motivi totemici aborigeni.

Che cosa è il didgeridoo e quali sono le sue origini?

Il nome “didgeridoo” viene preso da un’interpretazione onomatopeica che fu dato dagli inglesi, quando sbarcarono sul nuovo continente, sentirono il suono ritmato “did-ge-ridoo” provenire da dei rami di eucalipto che erano suonati dagli aborigeni.

Quali sono le dimensioni di questo strumento?

Le dimensioni del didgeridoo possono essere diverse, può essere lungo da meno di un metro a 4 metri, e può presentare un diametro interno che va da un minimo di 3 centimetri, dall’imboccatura, fino a 30 cm nella parte finale. Viene classificato negli aerofoni ad ancia labiale. La sua nota è trasmessa dalla lunghezza. Proprio per questa possibilità di variare i toni in merito alla lunghezza, presenta enormi differenze timbriche.

Materiale

Questro strumento ha uno spessore e delle curvature che non hanno in genere influenze di sorta sul timbro dello strumento. Ad eccezione di quelle curve  che sono eccessivamente strette e dei materiali porosi che sono comunque da evitare sempre.

Come si deve suonare?

Il didgeridoo per poter essere suonato deve essere fatto utilizzando la tecnica della respirazione circolare, poiché questa tecnica permette al suonatore di prendere aria dal naso mentre va ad espirare quella contenuta nella bocca generando un suono continuo.

Che suono produce?

Il suono che produce lo strumento è molto profondo e ipnotico. Ci sono poi diversi stili tradizionali in cui viene suonato il didgeridoo, questi stili si differenziano in modo impercettibile per noi. Come anche impercettibili sono le differenze tra brani appartenenti alle musiche tradizionali di una cultura che non conosciamo. Questo strumento cambia il modo di essere suonato in base alle zone, si potrà quindi suonare diversamente nell’ uso degli accenti, nell’uso dell’effetto tromba come una chiamata ritmica e nell’uso della voce. Per ogni stile si riconoscono lo stesso dei tratti comuni, come la presenza di armonici. Invece, l’imitazione del suono degli animali viene relegata ad un aspetto più ludico e di intrattenimento che però non ha niente a che vedere con la musica del popolo tradizionale aborigeno.

Utilizzo nei riti sacri

Il didgeridoo viene anche suonato nei riti sacri ma anche nella vita di tutti i giorni. Per le popolazioni dove tale strumento è tradizionale, addirittura le donne non possono suonarlo nei riti sacri, perché viene usato principalmente nel rito di iniziazione maschile. Per alcune etnie è addirittura vietato l’uso del didgeridoo da parte delle donne ma, è assurdo dire che ciò accade nel Sud dell’Australia dove non è uno strumento tradizionale.

Didgeridoo usato come musicoterapia

Sembra che il didgeridoo venga anche usato a scopo terapeutico-rituale. Ma non ci sono delle vere e proprie informazioni concrete su questo aspetto. Visto che comunque è legato perlopiù a un rituale ed è intimo, per cui non esiste divulgazione da parte del popolo aborigeno al di fuori della loro intimità. Anche se per il suo suono, ha fatto immaginare di avere dei poteri di guarigione per la sola imposizione della vibrazione tattile. Con tale strumento si può eseguire il massaggio sonoro. In tanti hanno affermato che, dopo averlo sperimentato, questa pratica aiuta il rilassamento della mente e del corpo, questa è la condizione necessaria a qualsiasi tipo di guarigione. Ecco perché c’è chi lo sfrutta in sessioni musicoterapiche e in sessioni musicali ricreative come massaggio sonoro o come viaggio immaginario guidato. Così da indurre il rilassamento del gruppo e facilitare il rilassamento di ogni individuo.

Studentessa di Scienze della Comunicazione e soprattutto amante della scrittura. Appassionata della lettura e dell’arte. Scrivo dai periodi delle medie, ma dopo il liceo ho iniziato a perfezionarmi. Ho collaborato con qualche casa editrice, due pubblicazioni certificate e molte altre in self.  Da sempre ho creduto nella passione per la scrittura degli articoli, mi piace tutto ciò che ruota attorno alla tecnologia, alla musica e tutto ciò che concerne la comunicazione. Sono felice di poter scrivere articoli su questi temi.

Back to top
Migliori Strumenti Musicali